ENEA 2016: COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE OBIETTIVI DEL RAPPORTO ANNUALE DELL’EFFICIENZA ENERGETICA

rapporto annuale dell’efficienza energetica

E’ stato presentato la scorsa settimana a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il rapporto annuale dell’efficienza energetica RAEE, a cura dell’ENEA.

Il rapporto annuale dell’efficienza energetica (RAEE) si configura come un essenziale strumento per fotografare nel dettaglio la situazione dell’efficientamento energetico in Italia, contribuendo ad allineare in maniera efficiente il nostro Paese alle direttive europee.

Il rapporto 2016 restituisce dei dati chiari rispetto ai passi avanti del settore, frutto delle normative in materia di riqualificazione energetica e tutela ambientale. Il rapporto si è però in particolare costituito come concreto esempio di come la collaborazione e la comunanza di intenti fra istituzioni, associazioni e professionisti si configurino quali modalità d’azione privilegiate per arrivare a rendere l’Italia energeticamente efficiente e rispettare i patti dell’accordo di Parigi 2020. La sfida da vincere è quella non solo di rispettare le normative, ma di far sì che l’efficientemento energetico, ed in particolare la riqualificazione degli edifici, trovino spazio all’interno delle agende dei burocrati, delle imprese, ma anche dei cittadini. Accanto all’elaborazione di strumenti fiscali in grado di incoraggiare concretamente il mercato della riqualificazione e stimolare l’incontro di domanda ed offerta, occorre altrettanto impegno nel predisporre strategie di comunicazione permeanti.

ENEA ipotizza di elaborare nuovi strumenti finanziari in grado di assicurare ritorni in termini di investimento laddove l’Ecobus ha fallito, in particolare nel corso del convegno si è parlato di un fondo ad hoc che finanzierebbe circa il 90% degli investimenti, mentre il resto sarebbe a caricato dei proprietari. Il fondo andrebbe poi a ricuperare l’investimento nell’arco dei 10 anni, incassando il 65% dallo Stato, consentendo così di mantenere in equilibrio le esigenze del bilancio pubblico. Accanto alle doverose considerazioni di tipo economico, un altro elemento affrontato nel corso del rapporto ENEA è stata l’importanza strategica di comunicare e informare. La comunicazione sia in termini di formazione che di cultura rappresenta nel nostro Paese ancora una questione irrisolta che rallenta il potenziale sviluppo del mercato della riqualificazione energetica. Ed è proprio per questo motivo che Enea ha elaborato un programma triennale di comunicazione il cui duplice obiettivo è quello, da un lato di formare correttamente gli stakeholders nazionali rispetto ai benefici ottenibili da interventi di riqualificazione energetica, dall’altro fare chiarezza sul complesso panorama degli incentivi.

Inoltre il progetto denominato Italia in classe A si propone a vari livelli di diffondere ad un più ampio range di destinatari gli obiettivi, vantaggi e importanza dell’efficienza energetica. Rete IRENE coglie con soddisfazione e stimolo le riflessioni sollevate dal rapporto ENEA, impegnandosi per prima a diffondere la cultura e la conoscenza della riqualificazione energetica nei sui diversi aspetti e settori, dalle novità in termini di incentivi e investimenti, ai benefici in termini ambientatali, fino al miglioramento della qualità di vita. Raggiungere gli standard dell’accordo di Parigi, rendere più florido il mercato edile e più salubri le abitazioni sono obiettivi perseguibili solo attraverso una strategia integrata e compartecipata, che quotidianamente IRENE mette in atto, allo scopo di rendere l’Italia un paese energeticamente intelligente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *